Nord CiociariaToday

Colleferro, sindaci uniti per il difficile rilancio della Valle del Sacco

Si è molto vicini alla gestione da parte dell’ASI del depuratore della zona industriale di Anagni, anche se ormai si sono perse le due grandi aziende la Videocon (azienda fallita e chiusa) e la Bonollo che si è attrezzata da sola non producendo...

Si è molto vicini alla gestione da parte dell’ASI del depuratore della zona industriale di Anagni, anche se ormai si sono perse le due grandi aziende la Videocon (azienda fallita e chiusa) e la Bonollo che si è attrezzata da sola non producendo più scarichi industriali e creando un ciclo virtuoso di riclico. Inoltre, l’ASI di Frosinone è diventata proprietaria del sito della Videocon e si sta mettendo in moto l’APEA (aree produttive ecologicamente attrezzate) per le piccole e medie industrie. Questo quanto riferito dall’ex parlamentare Europeo Francesco De Angelis, oggi presidente dell’ASI di Frosinone, intervenuto all’assemblea dei Sindaci del comprensorio della Valle Del Sacco, dei Monti Lepini e dell’Alta Valle della Ciociaria che si è tenuta a Colleferro, presso la sala Conver, convocata dal coordinatore il sindaco di Anagni Fausto Bassetta, coadiuvato dal sindaco di Paliano Domenico Alfieri.

Inoltre, è stata presentata la bozza del protocollo d’intesa, davvero molto lunga nell’elencazione dei problemi da sottoporre, al presidente della Regione Lazio Zingaretti che è stato invitato ad intervenire alla prossima assemblea. Da parte dell’Ing. Roberto Passetti è stata illustrata per grandi linee, la bozza del Contratto di Fiume (questa è l'unica cosa concreta su cui si dovrebbe lavorare per ridare dignità al martoriato fiume e così ridare sviluppo a tutta la Valle del Sacco).

Il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna ha tenuto a rimarcare che il ricorso fatto al Presidente della Repubblica, nel Luglio scorso, contro la chiusura di alcuni reparti dell’ospedale Ginecologia, Pediatria e Neonatalogia, è stato inviato al TAR che ha richiesto tutta la documentazione alla Regione Lazio, prima di entrare e nel merito.

Sono questi i quattro punti che hanno dato delle certezze ai presenti, oltre alla lunga discussione sull’immondizia e la raccolta differenziata e tenuta dall’Assessore all’Ambiente di Colleferro il giovane Calamita che è un esperto in materia ma che oltre a spiegarlo a voce deve farlo assimilare dai cittadini. Si parla oramai da troppo tempo di chiudere sia la discarica di Colle Fagiolara che i due inceneritori ma con il passar del tempo il sindaco di Colleferro, si sta rendendo conto che è un’operazione molto difficile. Loro ce la metteranno tutta per dare alla città, ma soprattutto ai figli futuri, un ambiente migliore con un territorio che guarda anche al turismo e non a caso sta per nascere il museo che conterrà l’Elefant Anticus ed i 6 km di Rifugi, uno dei quali è illuminato, potranno essere un valore di richiamo turistico.

Mai come oggi i sindaci si sono stretti per essere più forti ed è bene quanto si sta facendo; Caro Calamita, ricordati che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Si deve partire da una buona informazione sin dalle scuole d’infanzia per più anni e soprattutto si debbono evitare errori fatti in passato come quello di costruire una scuola (l'IPIA ssulla Paliense) proprio di fronte ad un discarica.

Alla riunione dei sindaci hanno partecipato anche i ragazzi H2ORA- Acqua Pubblica Lazio, che hanno sollecitato le amministrazioni a fare presto per firmare il documento che hanno presentato al fine di far presentare alla Regione Lazio un legge per la gestione ottimale degli ambiti per un’alternativa possibile e praticabile per riportare l’acqua e la democrazia nelle nostre comunità

Alla riunione erano presenti i sindaci di (li mettiamo in ordine di visione come nelle foto che pubblichiamo qui sotto) da sinistra: di Serrone Natale Nucheli, di Piglio Mario Felli, di Acuto Augusto Agostini, di Anagni Fausto Bassetta, di Paliano Domenico Alfieri, Francesco De Angelis, di Colleferro Pierluigi Sanna, di Gavignano Emiliano Datti, di Carpineto Matteo Battisti, di Gorga Nadia Cipriani, Segni vice sindaco Reali e tutte le associazioni ambientaliste e non della città di Colleferro e del comprensorio .

Giancarlo Flavi

Potrebbe interessarti

  • Tecnici Acea tentano di entrare in una stradina privata, si mette di traverso con l’auto e li blocca

  • Pronto soccorso dello Spaziani: "un vero e proprio inferno". Aumentano disagi e polemiche

  • Cassino, 700 persone usano l’acqua pubblica ma non la pagano

  • Città in lutto per la morte dell'ex vice comandante dei vigili urbani Vincenzo Belfiore

I più letti della settimana

  • Precipita dal sesto piano dell'ospedale di Frosinone e muore

  • Muore dopo un volo di oltre 15 metri all'ospedale. Identificato l'uomo

  • Si ribaltano con l'auto mentre vanno al mare. Due ragazzi di Paliano in gravi condizioni

  • Bimbo di tre anni azzannato alla testa da un cane maremmano

  • Cassino-Pontercorvo, incidente in A1. Grosso tir va a sbattere sul guardrail e perde il carico (foto)

  • Ceprano, lei si rifiuta di avere rapporti sessuali e lui tenta di strangolarla

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento