Nord CiociariaToday

Boville Ernica, arrestato un uomo del posto per bancarotta. Ferentino, denunciate due persone per smaltimento illegale di rifiuti

Boville Ernica, i carabinieri della locale Stazione, nell’esecuzione dell’Ordine di esecuzione pena presso il proprio domicilio di pene detentive, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma – Ufficio Esecuzioni Penali

Boville Ernica, i carabinieri della locale Stazione, nell’esecuzione dell’Ordine di esecuzione pena presso il proprio domicilio di pene detentive, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma – Ufficio Esecuzioni Penali – traevano in arresto un 55enne del luogo, dovendo espiare la pena di mesi sei di reclusione per il commesso reato di “bancarotta semplice”.

Espletate le formalità di rito e come disposto dall’atto dispositivo in argomento, il predetto è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

COMPAGNIA DI ANAGNI: DENUNCIATE DUE PERSONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI

Ferentino, i militari della locale Stazione, a conclusione di specifica attività info-investigativa, connessa a mirati servizi coordinati di controllo del territorio finalizzati a contrastare le violazioni sulle normative di tutela ambientale, deferivano in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone, due persone residenti in questo capoluogo, poiché ritenuti responsabili in concorso tra loro del reato di “smaltimento illegale di rifiuti”.

I militari operanti, in seguito al rinvenimento in stato di abbandono (in una zona periferica di Ferentino di circa 200 mc) di rifiuti speciali consistenti in “materiali di risulta”, provenienti da attività edili, raccoglievano inequivocabili elementi di colpevolezza a carico dei predetti che, ammesse le proprie responsabilità, provvedevano alla bonifica del sito.

COMPAGNIA DI SORA; LA ASSUMECOMEBADANTE POILA INDUCE ALLAPROSTITUZIONE

Arpino, i militari della locale Stazione, traevano in arresto un 63 enne del luogo poiché resosi responsabile dei reati di “ lesioni personali aggravate - detenzione abusiva di armi- minaccia aggravata ed induzione e sfruttamento della prostituzione”, ai danni di una 37enne di nazionalità ucraina, (sua badante e con lo stesso convivente) nei confronti della quale, poco prima, si era scagliato contro brandendo un coltello da cucina.

Inoltre, i militari operanti, appuravano che da tempo l’uomo usava violenza contro la donna obbligandola a prostituirsi anche sotto la minaccia di un fucile da caccia che, nel corso delle successive attività, veniva rinvenuto (con il relativo munizionamento) nella camera da letto, abilmente occultato all’interno del materasso ed in seguito risultato illegalmente detenuto.

Nel medesimo contesto operativo le armi ed il relativo munizionamento venivano posti sotto il vincolo del sequestro mentre, l’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato pressola Casa Circondarialedi Cassino.

Potrebbe interessarti

  • Coop, ultima settimana di attività: chiusura fissata per il 22 giugno

  • Incendio alla Mecoris, livelli di Pm10 alti. Chiusi gli uffici pubblici e stop alle attività private

  • Il Lazio Pride? Una partenza con il botto

  • Cassino, il sindaco Enzo Salera presenta la Giunta. Il suo vice è Francesco Carlino

I più letti della settimana

  • Brucia azienda di smaltimento rifiuti speciali, nube nera su Frosinone. Aria irrespirabile

  • Colleferro, ispettore di Polizia si sente male in commissariato e muore in ospedale

  • Incendio Mecoris, i capannoni contenevano quintali di rifiuti indifferenziati

  • Ceprano, giornalista muore dopo essere stata al pronto soccorso, sequestrata la salma

  • Tragedia sfiorata in A1, auto della Polizia si ribalta dopo un tamponamento (foto)

  • Strangolagalli, imprenditrice di 47 anni, schiacciata da un muletto, una morte tinta di giallo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento