Nord CiociariaToday

Alatri-Altipiani di Arcinazzo,il fascino della natura e la forza della fede il viaggio indimenticabile dei pellegrini-camminatori

Partenza da Alatri (383 metri di altezza) e arrivo agli Altipiani di Arcinazzo, località situata a 839 metri di altitudine. Per un totale di 24,7 chilometri. Questi i grandi numeri della sesta tappa del Cammino di San Benedetto, evento (alla sua...

Cammini San Benedetto

Partenza da Alatri (383 metri di altezza) e arrivo agli Altipiani di Arcinazzo, località situata a 839 metri di altitudine. Per un totale di 24,7 chilometri. Questi i grandi numeri della sesta tappa del Cammino di San Benedetto, evento (alla sua seconda edizione) organizzato dalla Camera di Commercio di Frosinone con il contributo dell’Azienda Speciale Aspiin. Un tracciato che ha attraversato le campagne di Alatri, Vico nel Lazio e Guarcino, per poi immettersi lungo la strada che ha portato agli Altipiani di Arcinazzo, fra tratturi e tracce di pascolo. Immancabile visita all’Acropoli di Alatri (Civita), cinta da mura in opera poligonale, dette mura ciclopiche. La datazione è controversa, anche se per l’archeologo Filippo Coarelli il periodo giusto dovrebbe essere IV-III secolo avanti Cristo. Ma secondo altri studiosi l’origine è ernica mentre la complessiva ristrutturazione sarebbe avvenuta in età romana. Una tappa molto “fisica” per i pellegrini che, dal centro di Alatri, hanno raggiunto la Statale per Fiuggi. Ad un certo punto hanno svoltato per Via Pozzo Marinaro, arrivando poi ad un grande incrocio, dove hanno proseguito dritti per Via Colle. Quindi, un sentiero a destra per giungere ad incrociare la strada provinciale che conduce a Vico nel Lazio. Da qui un percorso e un panorama unico: prati e stradine intrerpoderali, immersi completamente nella natura, seguendo però la segnaletica costituita da adesivi e nastrini gialli. I camminatori hanno così raggiunto Via Sant’Andrea, alle spalle della Cartiera di Guarcino, attraversando la Contrada Castagnola ed entrando proprio nel centro di Guarcino. Nella piazzetta c’era il punto ristoro. Dopo una meritata sosta il percorso è ripreso in direzione Altipiani di Arcinazzo. Imperdibile l’Arco di Trevi, un’opera megalitica ritenuta antecedente al II^ secolo avanti Cristo, che avrebbe rappresentato un’apertura sul confine tra gli Equi e gli Ernici. Di qui passava l’antica strada che dal ponte romano di San Teodoro, sull’Aniene, portava verso Guarcino. Visibili ancora oggi, su alcuni tratti di basolato, le scanalature causate dal passaggio dei carri. Va detto che dall’Arco di Trevi si diramavano tre strade: quella principale raggiungeva Fiuggi e Torre Cajetani, per poi arrivare a Guarcino. La seconda percorreva il fondovalle, la terza raggiungeva la strada per l’Obaco, attraversata la quale si passava per la villa di Calpurnio, della quale restano i ruderi.

I camminatori hanno poi seguito strade sterrate, sentierini e prati incantevoli fino agli Altipiani di Arcinazzo. L’arrivo alla Chiesa della Beata Maria Vergine ha rappresentato la chiusura della tappa.

Ad Arcinazzo visita ai mercatini di prodotti tipici e di artigianato artistico. Quindi una sagra con i “fiocchi”. Il tutto allietato dalle note dei Musicanti di Strada.

Domani settima giornata, dagli Altipiani di Arcinazzo a Subiaco. Cammini  San Benedetto

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento