Nord CiociariaToday

Frosinone, controlli a tappeto dei Carabinieri anche con l'elicottero. Anagni, denunciato per abbandono di rifiuti

Controlli a tappeto dei Carabinieri in  tutta la provincia,  disposti dal Comando Provinciale, al fine di garantire maggiori standard di  sicurezza ai cittadini, soprattutto in questo periodo estivo.

Controlli a tappeto dei Carabinieri in tutta la provincia, disposti dal Comando Provinciale, al fine di garantire maggiori standard di sicurezza ai cittadini, soprattutto in questo periodo estivo. Questa mattina, infatti, i militari delle compagnie dipendenti, coadiuvati da un elicottero del Raggruppamento Aeromobili di Pratica di Mare, hanno svolto mirati servizi per il controllo del territorio, tesi a prevenire i reati contro il patrimonio (rapine in ville, furti in abitazione e con strappo), il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti, violazioni sulla normativa riguardante la tutela ambientale e paesaggistica, nonché prevenire le infrazioni al Codice della Strada, in particolare la “guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche/psicotrope”, attraverso un massiccio controllo alla circolazione stradale, sulle principali arterie e snodi di comunicazione della Provincia ed in prossimità dei caselli autostradali dell'A1, delle Stazioni Ferroviarie oltre che nei pressi di locali pubblici, maggiormente frequentati da giovani. Sono stati inoltre eseguiti controlli alla imprese agricole, turistiche ed alberghiere al fine di accertare il rispetto delle norme in materia igienico-sanitaria.

L’imponente dispositivo preventivo, che ha visto l’impiego di 76 uomini, suddivisi in 38 pattuglie, ha permesso di: a) deferire in stato di libertà: in Anagni il legale rappresentante di una ditta del luogo poiché ritenuto responsabile di “ abbandono di rifiuti; in Ferentino nr. 2 persone rispettivamente responsabili di “minaccia aggravata ed evasione” ”; b) di avanzare, ricorrendone i presupposti di Legge : in Cassino, Fontana Liri ,Casalvieri , Vicalvi ,Monte San Giovanni Campano e Pignataro Interamna, complessive 8 proposte per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O. nei confronti di altrettante persone; c) di rinvenire in Monte San Giovanni Campano nr. 2 autovetture, rispettivamente denunciate rubate in Sessa Aurunca e Ripi. Nello specifico:

COMPAGNIA DI CASSINO

Cassino, i militari del N.O.R.M.- Aliquota Radiomobile, nel corso di predisposto servizio per il controllo del territorio, intercettavano e controllavano un 28/enne ed in 33/enne, entrambi residenti nella provincia di Napoli, mentre si aggiravano con fare sospetto e senza giustificato motivo nei pressi di attività commerciali di quel centro. Ricorrendo i presupposti di legge, gli stessi sono stati proposti per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di far ritorno nella “città Martire” per anni tre

COMPAGNIA DI ANAGNI

Anagni, i militari della locale Stazione, deferivano in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone, il legale rappresentante di una ditta del luogo per il reato di “abbandono di rifiuti”. Lo stesso non ottemperava all’ordinanza emessa dal sindaco di Anagni che gli imponeva di rimuovere e smaltire i rifiuti pericolosi che erano stati illecitamente stoccati e già sottoposti a sequestro preventivo nell’ambito di un procedimento penale pendente presso il Tribunale di Frosinone.

Ferentino, i militari della Locale Stazione, deferivano in stato di libertà, alla Procura della Repubblica il presso Tribunale di Frosinone:

- un 42enne del luogo poiché, nel tentativo di evitare un esproprio immobiliare, minacciava con una pistola scacciacani priva del tappo rosso l’ufficiale giudiziario che aveva avuto accesso nella proprietà per dare esecuzione al decreto immobiliare. l’arma, nel medesimo contesto operativo, veniva sottoposta a sequestro.

- una 77enne del luogo poiché , già sottoposta al regime degli arresti domiciliari, veniva sorpresa dai militari operanti all’esterno della propria abitazione;

COMPAGNIA DI SORA:

Fontana Liri, i militari della locale Stazione, intercettavano un 52enne e un 41enne, residenti nell’hinterland partenopeo, mentre si aggiravano con fare sospetto e senza giustificato motivo nei pressi di obiettivi sensibili di quel centro. Ricorrendo i presupposti di legge, gli stessi sono stati proposti per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di far ritorno nel predetto comune per anni tre

Casalvieri, i militari della locale Stazione, intercettavano un 49enne, residenti nell’hinterland partenopeo, mentre si aggirava con fare sospetto e senza giustificato motivo nei pressi di obiettivi sensibili di quel centro. Ricorrendo i presupposti di legge, lo stesso è stato proposto per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di far ritorno nel predetto comune per anni tre.

Monte San Giovanni Campano, i militari della locale Stazione, due autovetture, risultate rubate rispettivamente in Sessa Aurunca e Ripi.

Monte San Giovanni Campano, i militari della locale Stazione intercettavano un 67enne, residente ad Isola Del Liri, mentre si aggirava con fare sospetto e senza giustificato motivo, nei pressi di obiettivi sensibili di quel centro. Ricorrendo i presupposti di legge, lo stesso sono stati proposti per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di far ritorno nel predetto comune per anni tre.

Vicalvi, i militari della locale stazione, intercettavano un 27enne di nazionalità nigeriana e residente in Roma mentre si aggirava con fare sospetto e senza giustificato motivo, nei pressi di obiettivi sensibili del predetto centro. Ricorrendo i presupposti di legge, lo stesso sono stati proposti per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di far ritorno nel predetto comune per anni tre.

COMPAGNIA DI PONTECORVO

Pignataro Interamna, i militari della St6azione di San Giorgio a Liri, intercettavano un 34enne residente nell’hinterland partenopeo mentre si aggirava con fare sospetto e senza giustificato motivo, nei pressi di obiettivi sensibili del predetto centro. Ricorrendo i presupposti di legge, lo stesso è stato proposto per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di far ritorno nel predetto comune per anni tre.

Inoltre, durante l’espletamento dell’attività preventiva, sono stati controllati 400 autoveicoli ed identificate 460 persone, eseguite 24 perquisizioni, controllati 40 esercizi pubblici (senza rilevare violazioni) ed elevate 38 contravvenzioni al C.D.S

COMPAGNIA DI PONTECORVO

San Giovanni Incarico (FR), i Carabinieri della locale Stazione, deferivano in stato di libertà, alla competente A.G., una 45enne ed un 54enne entrambi residenti in San Giovanni Incarico, poiché ritenuti responsabili del reato di: “oltraggio a pubblico ufficiale”, e “circolazione con veicolo già sottoposto a fermo”.

Predetti, fermati dai militari operanti a bordo della proprio autovettura, già sottoposta a fermo amministrativo, all’atto della redazione del verbale di sequestro del veicolo inveivano con frasi offensive nei confronti degli operanti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento