Nord CiociariaToday

Frosinone, Abbruzzese (FI) su Mastrobono: "E' palese che l'operato del direttore generale è da bocciare in toto"

"E' palese che l'operato del direttore generale della Asl di Frosinone, Mastrobuono è da bocciare in toto. Pertanto credo che la conferenza dei Sindaci, a prescindere dal parere non vincolante, debba dare un parere negativo sull'attività...

Bandiere Forza Italia

"E' palese che l'operato del direttore generale della Asl di Frosinone, Mastrobuono è da bocciare in toto. Pertanto credo che la conferenza dei Sindaci, a prescindere dal parere non vincolante, debba dare un parere negativo sull'attività gestionale della manager nell'azienda sanitaria locale". Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio.

"E' palese che da quando è arrivata in provincia di Frosinone, per mettere in pratica ciò che il presidente Zingaretti aveva concepito nei suoi decreti sulla riorganizzazione della sanità nella Regione Lazio e della rete ospedaliera, c'è stato un ulteriore peggioramento nelle condizioni del sistema sanitario locale. I pronto soccorso, sono rimasti affollatissimi nonostante l'apertura della Casa della Salute di Pontecorvo, nessun miglioramento per quanto concerne le liste di d'attesa per esami diagnostici e poi una grande depotenziamento dei servizi che hanno prodotto la chiusura totale o temporanea di molti reparti di eccellenza tra i quali ostetricia e ginecologia ad Alatri. Struttura che doveva essere sostituita dalla casa della maternita che, però, stenta ad entrare a pieno regime. A Cassino il centro trasfusionale non ha più tecnici per l'assegnazione delle sacche di plasma e ciò rappresenta un problema per tutti i reparti del Santa Scolastica. Inoltre mancano gli anestesisti e le sale operatorie ormai sono in attività a singhiozzo. Criticità si registrano anche a Sora dove i reparti di Cardiologia, Ortopedia ed ostetricia sono in grave difficoltà per la cronica carenza di personale. L'ospedale Spaziani di Frosinone, invece ancora attende l'arrivo delle specialità che avrebbero dovuto, secondo l'atto aziendale, far partire il processo di avvicinamento all'assegnazione del Dea di II livello.

Insomma la rete ospedaliera rischia il default. La Mastrobuono ha disatteso tutte le promesse fatte alla conferenza dei Sindaci per far approvare il documento strategico della Asl e la sua riorganizzazione non ha prodotto altro che disservizi ai cittadini ciociari, che ormai preferiscono andare altrove per avere le cure necessarie. Nemmeno più i medici vogliono prendere servizio nei nostri ospedali per come è stata compromessa l'immagine dell'azienda sanitaria in questi due anni.

Pertanto, invito i sindaci della provincia di Frosinone ad esprimere un parere obiettivo sulle azioni che la manager ha messo in campo e sulle ripercussioni negative che hanno avuto sul sistema sanitario della provincia di Frosinone. Non ci sono più gli esami di riparazione, la direttrice deve essere bocciata". Ha concluso Abbruzzese. RIORDINO PROVINCE, SIMEONE (FI): “PROPOSTA DI LEGGE INSENSATA, ZINGARETTI SI PREPARI AD UNA DURA BATTAGLIA” “Riallocazione delle funzioni amministrative a livello locale, un pasticciaccio in salsa rossa. La proposta di legge 269 del 15 giugno 2015 sul “Conferimento di funzioni e compiti amministrativi alla città metropolitana di Roma capitale, a Roma capitale e riallocazione delle funzioni amministrative a livello locale”, per la quale è stata incardinato l’esame nelle commissioni consiliari la prossima settimana, è l’ennesima dimostrazione di come la giunta Zingaretti sia l’ufficio complicazione affari semplici. La proposta di legge, che nasce in attuazione della Legge Delrio, conferma la volontà accentratrice di questa Regione che ha perso l’ennesima occasione per rispondere al principio di sussidiarietà, di mantenere i servizi vicini ai cittadini ricollocando le funzioni agli Enti locali. Eppure era sufficiente vedere cosa hanno fatto altre Regioni come la Toscana e l’Emilia Romagna che tra l’altro sono guidate dalla stessa bandiera che governa il Lazio. Regioni che hanno utilizzato questa proposta di legge per consolidare il ruolo degli Enti locali, decentrando funzioni fondamentali. Oppure bastava fare quello che ha fatto, credo egregiamente, la Regione Veneto che nella proposta di legge depositata da parte della giunta ha mantenuto lo status quo esistente, ha lasciato le funzioni fondamentali alle Province e ai Comuni garantendo le somme necessarie alla prosecuzione del loro svolgimento. Un atto di responsabilità che va a vantaggio dei cittadini, dei lavoratori e dello sviluppo dei territori. Oggi la proposta di Zingaretti va esattamente nel senso contrario con effetti devastanti per le comunità che rappresentiamo. Basti pensare che oggi per avere un parere dalle Province i cittadini e le imprese attendono al massimo trenta giorni. Dalla Regione Lazio per avere un parere paesaggistico o conoscere lo stato di avanzamento di una pratica passano mesi, per non dire anni. Questa è l’efficienza? Accentrando su di se funzioni chiave quali il turismo, l’ambiente, la cultura e la formazione professionale la Regione Lazio viene meno al suo ruolo che dovrebbe essere quello di legiferare e di "pensare" lo sviluppo del suo territorio dentro la coesione nazionale affidando agli enti periferici il governo della vita dei cittadini e dei servizi fondamentali. Semplificazione, razionalizzazione, efficienza dovrebbero essere i principi su cui dovrebbe incardinarsi l’azione della Regione Lazio. Invece siamo all’anno zero con una proposta di legge che non fa che peggiorare il già devastante quadro emerso a seguito della legge Delrio che ha reso le Province Enti di secondo livello uccidendo la democrazia e allontanando le risposte dai cittadini, dalla vita reale, dalle esigenze dei territori. Questa proposta di legge non ci piace e non la condividiamo. Per questo faremo quanto in nostro potere, attraverso la presentazione di emendamenti e utilizzando ogni strumento a disposizione, affinchè venga modificata. Oggi il compito della Regione Lazio deve essere quello di procedere al riordino delle funzioni in applicazione dei principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza assicurando la continuità amministrativa, la semplificazione e la razionalizzazione delle procedure. Tutti passaggi che possono essere effettuati solo se saranno gli Enti locali e le Province, in qualità di enti di area vasta, a gestire i settori fondamentali che incidono sulla vita dei cittadini”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Incidente sul lavoro, falegname si amputa tre dita di una mano, è grave

  • Alatri, l'ultimo e straziante saluto a Marco Cialone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento