Nord CiociariaToday

Piglio, arriva la statua della Madonna di Fatima a 100 anni dalla apparizione ai tre pastorelli

Tre giorni tra processioni e veglie di preghiera.Non si è ancora spenta l’eco della “Perigrinatio del Crocifisso di san Damiano”  che per una settimana è rimasto nella città di Piglio dal 6 al 13 maggio alla venerazione dei fedeli per opera della...

Madonna di Fatima

Tre giorni tra processioni e veglie di preghiera.Non si è ancora spenta l’eco della “Perigrinatio del Crocifisso di san Damiano” che per una settimana è rimasto nella città di Piglio dal 6 al 13 maggio alla venerazione dei fedeli per opera della fraternità OFS “Beato Andrea Conti” che un’altra iniziativa religiosa, questa volta per opera del gruppo UNITALSI sezione Anagni-Alatri, coinvolgerà la popolazione pigliese con l’arrivo della statua della Madonna di Fatima in occasione dei cento anni dall’apparizione della Vergine ai tre pastorelli, Giacinta, Francesco e Lucia.

La Statua che sta effettuando nella Diocesi una “Pellegrinatio Mariae” sarà a Piglio Venerdì 26 Maggio p.v. alle ore 19,00 proveniente da Trevi nel Lazio per restare fino a Domenica 28 Maggio p.v..

A ricevere per la seconda volta la miracolosa Statua della Madonna alle porte del Paese, oltre ai vari gruppi dell'Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes Sezione Anagni-Alatri, l'associazione di volontari laici, cattolici e religiosi a servizio di chi soffre, sarà il gruppo Unitalsi di Piglio e il parroco don Gianni Macali, insieme alle confraternite e alla popolazione pigliese; sarà quindi raggiunta, in processione, la Collegiata Santa Maria Assunta dove seguirà una veglia di preghiera.

Il gruppo UNITALSI di Piglio, composto da molti giovani, che ha cominciato a raccogliere i frutti della campagna di informazione messa in atto da oltre un ventennio da uno staff ben preparato sotto l'egida della responsabile Luisa, ha invitato tutte le associazioni costituite e presenti a Piglio ad unirsi insieme per partecipare a questa manifestazione di fede.

A Piglio il Gruppo UNITALSI svolge un'intensa attività di volontariato che si traduce in concreto aiuto soprattutto umanitario ed i cui componenti, oltre ad offrire la propria opera di aiuto ed assistenza, pagano la somma del viaggio nei pellegrinaggi.

Luisa precisa ancora che i volontari assistono con competenza i pellegrini malati e bisognosi di assistenza continua nelle loro bianche divise le "dame" e nelle loro casacche azzurre i "barellieri", muovendosi spediti nel servizio sanitario, logistico ed organizzativo.

Il loro motto è: “Dare una mano a chi ha veramente bisogno essendo stato nella vita più sfortunato degli altri”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giorgio Alessandro Pacetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Ceprano-Frosinone, maxi tamponamento tra due camion in A1. Diversi i feriti

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento