Nord CiociariaToday

Regione, terremoto: attivato camper a Leonessa per valutare danni aziende agricole

"La Regione Lazio ha trasferito da Accumoli, dove sono terminati i rilievi, al Comune di Leonessa, il camper regionale che fornisce servizio di assistenza e di intervento a sostegno degli allevatori e agricoltori dei Comuni gravemente danneggiati...

"La Regione Lazio ha trasferito da Accumoli, dove sono terminati i rilievi, al Comune di Leonessa, il camper regionale che fornisce servizio di assistenza e di intervento a sostegno degli allevatori e agricoltori dei Comuni gravemente danneggiati dalle ultime scosse di terremoto del 30 ottobre. All’interno del camper saranno presenti tutti i giorni i tecnici degli uffici decentrati dell’assessorato regionale all’Agricoltura e di Arsial per effettuare sopralluoghi presso le aziende agricole, effettuare la valutazione dei danni, fornire assistenza tecnica e dare informazioni utili agli agricoltori per accedere ai fondi previsti dalle misure del programma di Sviluppo Rurale".

TRASPORTI, SIMEONE (FI): “TRENI SOPPRESSI, SERVIZI TAGLIATI. DA MINTURNO A FORMIA PENDOLARI ESASPERATI GRAZIE ALLE FOLLIE DI ZINGARETTI”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo certi che con Stefanelli le cose cambieranno, perché un Comune che riscopre la sua identità, che si ritrova comunità e si mette in rete con una Regione che ha ripreso a produrre ricchezza, a creare benessere, a comprare i pullman, a comprare i nuovi treni, ad aprire e ad assumere nella sanità, a riaprire i bandi per lo sviluppo, è un Comune che può rialzare la testa”. Queste le parole con cui il presidente Zingaretti a giugno, in occasione della campagna elettorale per le amministrative 2016, aveva annunciato che Minturno e i suoi cittadini sarebbero stati nel cuore dei programmi di sviluppo della Regione Lazio. Peccato che abbia dimenticato di dire ai cittadini che sarebbero rimasti a piedi. Il risultato di tanta dedizione a Minturno sono infatti i soliti miracoli annunciati a cui fanno da contraltare le promesse mancate. E l’unica novità che i cittadini hanno visto è stato il taglio dei servizi con la soppressione dei treni che collegano Minturno a Roma. Da dicembre, anche in virtù dell’entrata in vigore dei nuovi orari concordati con Trenitalia, i collegamenti diretti da Minturno a Roma, e viceversa, passeranno esclusivamente per la stazione di Formia raggiungibile, da Minturno, con treni regionali provenienti da Napoli ai quali sono programmate coincidenza a distanza di 10 minuti. Questo costringerà i cittadini dei comuni di Minturno, Santi Cosma e Damiano, Castelforte, Spigno Saturnia e dei quartieri orientali di Formia, a migrare verso la stazione di Formia per raggiungere la Capitale e il nord della provincia. Con disagi enormi sul piano della rapidità di accesso ai treni, sugli spostamenti nonché sulla logistica visto che la stazione di Formia, differentemente da quella di Minturno, non dispone neanche di parcheggi adeguati al mutato flusso di utenti. Ancora una volta la Regione Lazio matrigna e lontana dalle effettive esigenze dei cittadini sta complicando la vita dei cittadini come dimostra quanto accaduto questa mattina quando i pendolari si sono trovati di fronte all’ennesimo taglio di servizi. Stando a quanto denunciato, giustamente dalla Federazione provinciale di Confconsumatori, è stato inspiegabilmente soppresso il servizio autobus sostitutivo predisposto da Trenitalia per il treno delle ore 4.03 e i pendolari per raggiungere il treno in partenza dalla stazione di Formia non solo hanno perso il treno per i ritardi nella comunicazione ma sono stati costretti ad utilizzare mezzi “di fortuna”. Quanto sta avvenendo è a dir poco paradossale. Annunciare l’arrivo di nuovi treni ma tagliare di fatto i servizi è una vera e propria contraddizione in termini che evidenzia come la Regione di Zingaretti sia sorda e lontana dai territori e dai cittadini. E dimostra come non solo Minturno ma tutta la provincia di Latina siano ovunque tranne che nel cuore del presidente. Ci auguriamo che sindaci ed esponenti del Pd a livello locale abbiano il coraggio di sbattere i pugni sul tavolo non limitandosi a comunicati sotto dettatura a difesa di scelte di bandiera che sono sbagliate e lesive dei diritti delle comunità che siamo chiamati a rappresentare. Siamo al fianco dei pendolari, dei comitati dei cittadini, nonchè di tutti coloro che, legittimamente, chiedono servizi migliorativi e non peggiorativi nella già precaria situazione che sono costretti a vivere a causa delle carenze crescenti del trasporto locale e su cui abbiamo solo qualche settimana fa presentato un’interrogazione chiedendo interventi mirati ed immediati”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Frosinone usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Ceccano, è Marcello Pisa il morto trovato nel carrello. Nuovi dettagli raccapriccianti

  • Ceccano, Marcello Pisa morto non lontano dal carrello in cui è stato trovato

  • Scandalo alla Croce Rossa, il presidente denuncia ammanchi per 300 mila euro

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento